Luoghi da visitare

 

Palazzo Farnese

Ciò che affascina del Palazzo Farnese di San Valentino è l’eterogeneità della sua struttura che assume, a seconda del punto di vista dal quale il visitatore la osservi, la veste di castello medievale, cinta fortificata, palazzo nobiliare nonché casa rurale.
La fabbrica odierna è il frutto di numerose stratificazioni succedutesi nel corso dei secoli, specchio della vita del manufatto, ma non tutte databili con certezza.
Se, infatti, risulta abbastanza agevole delineare la storia di San Valentino dall’epoca della sua fondazione ad oggi, sono invece scarsi i dati documentari strettamente riferiti all’edificio.

Scopri di più

 


 

Il duomo, chiesa parrocchiale intitolata ai SS. Valentino e Damiano

La cattedrale, opera rinnovata dal Vanvitelli, o da un suo allievo, fu sconvolta dal terremoto del 1915, come riportato sulla lapide, posta nel 1945, sita nel portico, che così recita: «facciata arch. Antonino Liberi, esecutore Giuseppe Maranca – 1916/1926, a interesse del sac. Domenico Coia a coronamento della mole vanvitelliana sconvolta dal terremoto del 1915».
La chiesa, di impianto settecentesco, in rovina, come da documentazione già nel 1771, fu ricostruita, tra gli anni 1777 e 1791, su un presunto progetto del Vanvitelli, peraltro mai documentato; un rinnovo ad opera e su progetto di Antonino Liberi è stato eseguito nel decennio che va dal 1916 al 1926.

Scopri di più

 


 

Museo dei Fossili e delle Ambre

Il Museo dei Fossili e delle Ambre di San Valentino in A.C. è stato istituito nel gennaio 2004. Conserva una vasta raccolta di fossili illustranti la storia degli ultimi 500 milioni di anni del nostro pianeta e una preziosa raccolta di ambre, studiate sia dal punto di vista paleontologico sia da quello di utilizzazione da parte dell’uomo. Il materiale esposto proviene dalle collezioni private Santoli-Tanfi e Coccato-Antonucci, cedute gratuitamente al Comune di San Valentino. Il Museo è articolato in due sale, adeguatamente illustrate: la Sala Paleontologica, che comprende la sezione fossili e la sezione “uomo” e la Sala delle Ambre.

Scopri di più

 


 

Chiesa di San Nicola

Fondata nel 1596, era sorta con il nome di S. Maria delle Grazie. In passato fu convento degli Agostiniani ed ebbe probabilmente come allievo del Chiostro lo stesso San Nicola da Tolentino. La chiesa si presenta con una facciata intonacata che ha nella sua parte anteriore una scalinata che accede al piano di calpestio attraverso un semplice portale in pietra con un sovrastante fregio a stucco dipinto.

Scopri di più

 


 

Chiesa di San Rocco

E’ un classico esempio di architettura religiosa del tratturo o rurale, edificata in varie zone e riconoscibile per la semplicità degli elementi architettonici compone la facciata e gli interni. La posizione della chiesa è sopraelevata, su una minuscola collinetta, quasi ad essere punto di riferimento e richiamo per la popolazione rurale o pastorale di transito.

Scopri di più

 


 

Chiesa di San Donato

La Chiesa è posta in un avvalamento del terreno, la facciata presenta pochissimi valori architettonici, se non un portale molto semplice, una finestra semicircolare, una cornice orizzontale composta di semplici “pinci” e la pendenza del tetto a due falde.

Scopri di più

 


 

Chiesa di San Antonio

La Chiesa, si trova quasi dirimpetto alla cattedrale, in un vicolo strettissimo, costruita nella prima metà del XVII secolo presenta una facciata barocca; al suo fianco sinistro un grazioso campanile a vela, a due fornici, posto di traverso alla facciata stessa.

Scopri di più

 


 

Chiesa della Madonna della Croce

E’ una costruzione rurale che si trova nei pressi di un bivio stradale, un antico tratturo, come lo è la chiesa stessa, e documentato dalle finestra quadrate ad altezza d’uomo che permettevano, allo stesso tempo di partecipare alla funzione religiosa e di dare un occhio al gregge; ulteriore testimonianza è il portale dalle linee semplicissime, dalla finestra superiore e dalla linea terminale della cornice composta da una semicurva e definita da un piccolo campanile a vela. L’interno è monoaula, con tetto a vista; vi si trovano una serie di statue dei Santi Pietro e Paolo e due altari anch’essi con statue, ben definiti nei loro particolari.

Scopri di più

Ultime Notizie

Utilità